Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 128

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 132

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 134

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 136
Krilù Home page - Leggende di fiori, piante e montagne - Il velo di Merisana
Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/hpage.inc on line 113

Citazione del momento :  "La maggior parte della gente ritiene che amore significhi 'essere amati', anzichè amare."   Erick Fromm

Cliccare per accedere al mio Blog


Comunicazione




Visitate
sul blog

LA VOSTRA ARTE
DI CARLA COLOMBO

la vetrina on line
dedicata a
KRILU'
(poesie, racconti e...altro)



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/krilu/plugins/adm_membres/boxmemb.inc on line 4

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/krilu/plugins/adm_membres/boxmemb.inc on line 4
Connessione...
 Lista utenti registrati Membri: 70

membri 15 ultimi membri:
   diny57   Harley1   Harleymare   Harley   Gualty   nuvolotta   valkiro   test   mamaha   fralicom   emanuela   Andbeat   sissi71   Ambra   alessandra   

Your nickname:

Password:

[ Password persa ? ]


  Utente online: 0
  Anonimi online: 2

Visite totali Visite totali: 446413  

Webmaster - Infos

Ip: 108.162.219.163

Consigli e ricette



Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > animali


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > bellezza


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > casa


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > cibi e bevande


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > guardaroba


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > piante e fiori


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > salute


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > antipasti


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > primi piatti


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > secondi piatti


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > contorni


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > piatti freddi e insalate


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > dolci e dessert


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > bevande


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > pizze, focacce, quiche

Leggende di fiori, piante e montagne - Il velo di Merisana


In Val Costeana un giorno nacque una “Salvadega”. Certo una Salvadega fu sua madre. Erano creature così, come le api solitarie dei tronchi che non sai dove hanno il maschio, erano donne dei boschi e delle rocce, belle e forti, ma scontrose e fredde, né buone né cattive, se non le disturbavi, certo maligne assai con gli importuni. Non ridevano, non sorridevano mai. Ma erano felici ugualmente, anche le foglie degli alberi sono felici quando sono verdi.
E questa Salvadega che nacque in Val Costeana si chiamò Merisana perché le fu madrina la Luce del Meriggio.
La Luce del Meriggio abita appunto sui pascoli alti, oltre la boscaglia scura, dove le rocce riverberano gli astri e divengono lampade terrestri. Alla neonata, la Luce del Meriggio diede quel nome simile al suo e le disse: “Sorridi, sorridi, su! Se sorriderai farai felice questo fiore, con cui ti accarezzo il nasino rosso, questo maggiolino. Sorridi, cosina, sorridi.”Volò via, la Luce, verso i prati dei pascoli alti.
La bambina cominciò a sorridere e continuò a sorridere anche quando le selvadeghe la portarono nel cupo bosco. Ai primi passi si divertiva a fare felici con il suo sorriso fiori di radure, gemme di conifere, insetti, salamandre, rocce fredde, acqua di rii e di torrenti che ti risponde con biancore lampeggiante di schiume. Crebbe bellisima, slanciata e morbida e vestiva un leggero velo verde, iridescente nel sole.
Un mattino di primavera lei era sul prato rugiadoso, andava di fiore in fiore, li schiudeva con il suo sorriso. Era mattino.
Passa un re cacciatore, scuro in viso, perché aveva fallito il colpo su di un grande cervo. Ed il cervo era scappato facendosi beffa di lui. Si curva per bere nel rio di quel prato. La vede, lì in mezzo, così bella e le chiede: “ Chi sei”.
“Merisana”
“Chi?”
“Si,” disse lei sorridendo “Merisana sono, la donna del Meriggio”.
Ed il re cacciatore si sentì improvvisamente gioioso e felice, scomparsa ogni rabbia di quel cervo. Sorridendo lui pure le domandò: “Cosa fai?”
“Apro i fiori, non vedi? Li faccio sorridere perché ricevano la gioia del sole”
E il re cacciatore si sentì tanto bene che le chiese se voleva sposarlo e farlo sempre felice.
Merisana vi pensò un poco. Veramente il re cacciatore era forte e gentile, compito e piacevole. Merisana guardò i fiori: “E loro? Chi li fa felici poi? Si, ma dopo le mie nozze voglio lasciare felici tutte le creature della terra.”
“Ma, Merisana, è impossibile, ogni notte viene l’ombra. Ogni inverno la bufera di neve sulla montagna.”
“Almeno un mese voglio che le mie creature, i miei fiori siano felici, altrimenti non voglio sposarmi. Dovrei restare a proteggere la loro felicità.”
“Ma, Merisana” diceva il re disperato, “come vuoi fare? Un mese è lungo, non si possono fermare le burrasche del colmo della luna, le bufere delle strie che sbattono a terra i tuoi fiori.”
“Ebbene, mi accontenterò di un giorno. Ma nel giorno delle mie nozze tutte le creature devono essere felici. Va, chiedilo agli spiriti che dominano le montagne. E’ il patto, o mio Re.”
E il povero re, affannato, corse per tutte le montagne a chiedere che esaudissero Merisana.
Non poteva più rinunciare a lei, davvero, ora: gli era proprio impossibile. Lo chiese al vento, alla luce di luna, al ghiaccio azzurro dei crepacci, alla roccia color sangue. Non dicevano né si né no, ci mancava ancora qualcosa che li facesse decidere. Finalmente andò per tutti i pascoli alti e lo chiede alla Luce del Meriggio.
“Merisana, la mia figlioccia prediletta chiede questo?” disse la Luce del Meriggio. “Certamente bisogna concederglielo. Signori spiriti delle cose della montagna, bisogna concederglielo. E’ una richiesta ben piccola per un solo giorno. Bisogna farla sposa e felice.”
E fu stabilito che il giorno delle nozze di Merisana tutte le cose fossero felici, ridenti, ammantate di luce, di colori, di gioia. Ed era il gran rigoglio di maggio.
Nel meriggio pieno, quando il sole violento dell’Alpe fa vaporare la terra fin dentro le vene fonde delle creature, era l’ora delle nozze di Merisana. Ma essa vide un albero nudo e solo. Era un larice, che è l’ultimo a metter foglia ed era ancora lì scheletrico e dolente. Merisana lo guardò: “E tu? Tu, l’umile che chiede foglia dopo tutti gli altri; ti hanno dimenticato. Eccoti la vita, i colori, la felicità, eccoti il mio velo, la felicità per te e tutti quelli che ti guarderanno.”
Si tolse il lungo velo verde e leggero, lo gettò sui rami scarni. Il vento lo ravvolse intorno alla piramide di legni stecchiti, fu peluria verdolina e trasparente, iridescente nel sole.
Lei era rimasta sul prato come un meraviglioso fiore di morbida carne, che si radica nella terra e nel meriggio la terra vapora fin dentro le vene fonde.
Così è nato il larice, in un giorno lontano, in Val Costeana; poi il vento ha portato i semi per tutte le valli.
E Merisana, dopo le sue nozze, non so dove sia andata.
Ma una cosa vera ed eterna è rimasta: è che a star supini o seduti su un prato, sotto i larici, a guardare la loro verde peluria ed il sole sopra, e le bianche nuvole che van via sulle cime, si è felici, dimentichi di ogni amarezza, gioiosi di amore e di vita anche nella più assoluta solitudine. E’ vero, verissimo. E’ la preghiera di Merisana che si perpetua negli anni. Così è. Quelli che non riescono ad essere felici nell’incanto del larice, vuol dire che “dentro di loro” sono stupidi o malvagi. Lasciali andare per la loro strada.


Leggenda ampezzana tratta da
“Le Dolomiti nella leggenda” di Ulrike Kind
Ed. FK








Data creazione : 15/05/2006 @ 11:57 PM
Ultima modifica : 12/02/2010 @ 4:25 PM
Categoria : Leggende di fiori, piante e montagne
Pagina letta 4442 volte


Anteprima di stampa Anteprima di stampa     Stampa pagina Stampa pagina

react.gifOpinioni su questo articolo


Opinione n° 2 

da Krilu il 28/03/2007 @ 00:18 AM

Grazie Daniela per le tue belle parole.
Anch'io sono interessata alle leggende che parlano di  piante e sono sempre alla loro ricerca.
Se ripassi, forse ne troverai delle altre.


Opinione n° 1 

da daniela il 25/03/2007 @ 1:51 PM

cara krilù ho amato molto la leggenda del larice e sono molto interessata alle leggende sulle piante perchè le leggo a delle altre donne quando danziamo insieme in occasione di qualche festa. sono molto legata alla natura e sto ancora cercando IL MIO LUOGO, per poterci vivere in pace. non sono più molto giovane ma spero di trovarlo presto. grazie x il tuo sito, è molto gradevole. buona continuazione daniela 


Menu
+ Chi è Krilù?
+ Giardini letterari
+ Giochi e passatempi
+ I link
+ I miei banner
 -  Leggende di fiori, piante e montagne
+ Piccole storie
+ Poeti
+ Poeti e dialetti
+ Poeti e ...
+ Ravenna, la mia città
+ Saggezza in pillole
La penna di Krilù ©
+ Giocando con le parole ©
+ Gli articoli ©
+ I racconti ©
+ Il libro ©
+ Le poesie ©
+ Le poesie ©
+ Le poesie ©
+ Le poesie in dialetto ©
+ Le poesie in dialetto ©
+ Le poesie visive ©
+ Lo scrigno dei ricordi ©
+ Lo scrigno dei ricordi ©
Votami

Se il sito ti è piaciuto, non ti costa nulla premiarlo con un click in queste top list:


Visita Top Amici di Web-Link!

Web-Link TopSites

MultiClock

crea da Chris DUNN

Indovino

Io posso leggere nei vostri pensieri. Non ci credete ? Provate ! Vi ricrederete ...

^ Torna in alto ^

GuppY - http://www.freeguppy.org/
  Site powered by GuppY v4.5.19 © 2004-2005 - CeCILL Free License