Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 128

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 132

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 134

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/includes.inc on line 136
Kril¨ Home page - Poeti e dialetti - Pier Paolo Pasolini
Deprecated: Function ereg() is deprecated in /membri2/krilu/inc/hpage.inc on line 113

Citazione del momento :  La felicit├á sta nel tenere fiori in ambo le mani.   Proverbio giapponese

Cliccare per accedere al mio Blog


Comunicazione




Visitate
sul blog

LA VOSTRA ARTE
DI CARLA COLOMBO

la vetrina on line
dedicata a
KRILU'
(poesie, racconti e...altro)



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/krilu/plugins/adm_membres/boxmemb.inc on line 4

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/krilu/plugins/adm_membres/boxmemb.inc on line 4
Connessione...
 Lista utenti registrati Membri: 70

membri 15 ultimi membri:
   diny57   Harley1   Harleymare   Harley   Gualty   nuvolotta   valkiro   test   mamaha   fralicom   emanuela   Andbeat   sissi71   Ambra   alessandra   

Your nickname:

Password:

[ Password persa ? ]


  Utente online: 0
  Anonimi online: 32

Visite totali Visite totali: 481359  

Webmaster - Infos

Ip: 162.158.63.236

Consigli e ricette



Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > animali


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > bellezza


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > casa


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > cibi e bevande


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > guardaroba


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > piante e fiori


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Consigli utili > salute


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > antipasti


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > primi piatti


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > secondi piatti


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > contorni


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > piatti freddi e insalate


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > dolci e dessert


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > bevande


Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Deprecated: Function eregi_replace() is deprecated in /membri2/krilu/inc/functions.php on line 1167

Ricette > pizze, focacce, quiche

Poeti e dialetti - Pier Paolo Pasolini




PIER PAOLO PASOLINI

Bologna 1922 - Ostia 1975



Casarsa

Dedica.

Fontana di aga dal me paÝs.
A no Ŕ aga pÝ fres-cia che tal me paÝs.
Fontana di rustic am˛ur.

░░░

(traduzione)

Casarsa

Dedica.

Fontana d'acqua del mio paese.
Non c'Ŕ acqua pi¨ fresca che nel mio paese.
Fontana di rustico amore.




Il nini muÓrt

Sera imbarlumida, tal fossÓl
a cres l'aga, na fŔmina plena
a ciamina pal ciamp.

Jo ti recuardi, NarcÝs, ti vŔvis il col˛ur
da la sera, quand li ciampanis
a s˙nin di muÓrt.

░░░

(Traduzione)

Il fanciullo morto

Sera luminosa, nel fosso
cresce l'acqua, una donna incinta
cammina per il campo.

Io ti ricordo, Narciso, avevi il colore
della sera, quando le campane
suonano a morto.




Ploja tai cunfÝns

Fantass˙t, al pl˛uf il SŔil
tai spolŔrs dal to paÝs,
tal to vis di rosa e mŔil
pluvisÝn al nas il mŔis.

Il soreli scur di fun
sot li branchis dai morÓrs
al ti brusa e sui cunfÝns
tu i ti ciantis, s˛ul, i muÓrs.

Fantass˙t, al rit il SŔil
tai barc˛ns dal to paÝs,
tal to vis di sanc e fiŔl
serenÓt al m˛ur il mŔis.

░░░

(Traduzione)

Pioggia sui confini

Giovinetto, piove il Cielo
sui focolari del tuo paese,
sul tuo viso di rosa e miele,
nuvoloso nasce il mese.

Il sole scuro di fumo,
sotto i rami del gelseto,
ti brucia e sui confini,
tu solo, canti i morti.

Giovinetto, ride il Cielo
sui balconi del tuo paese,
sul tuo viso di sangue e fiele,
rasserenato muore il mese.




Dili

Ti jos, Dili, ta li cassis
a pl˛uf. I cians si scunÝssin
pal plan verd˙t.

Ti jos, nini, tai nustris cuÓrps,
la fres-cia rosada
dal timp pierd˙t.

░░░

(Traduzione)

Dilio

Vedi, Dilio, sulle acacie
piove. I cani si sfiatano
per il piano verdino.

Vedi, fanciullo, sui nostri corpi
la fresca rugiada
del tempo perduto.




O me donzel

O me donzel! Jo i nas
ta l'od˛ur che la ploja
a suspira tai pras
di erba viva... I nas
tal spieli da la roja.

In chel spieli Ciasarsa
- coma i pras di rosada -
di timp antic a trima.
LÓ sot, jo i vif di d˛ul,
lontÓn frut peciad˛ur,

ta un ridi scunfuartÓt.
O me donzel, serena
la sera a tens la ombrena
tai vecius murs: tal sŔil
la lus a imbarlumÝs.

░░░

(Traduzione)

O me giovinetto

O me giovinetto! Nasco
nell'odore che la pioggia
sospira dai prati
di erba viva... Nasco
nello specchio della roggia.

In quello specchio Casarsa
- come i prati di rugiada -
trema di tempo antico.
LÓ sotto io vivo di pietÓ,
lontano fanciullo peccatore,

in un riso sconsolato.
O me giovinetto, serena
la sera tinge l'ombra
sui vecchi muri: in cielo
la luce acceca




Vuei a Ŕ DomŔnia,

doman a si m˛ur,
vuei mis vistÝs
di seda e di am˛ur.

Vuei a Ŕ DomŔnia,
pai pras cun frescs piŔs
a sÓltin frutÝns
lizŔirs tai scarpŔs.

CiantÓnt al me spieli
ciantÓnt mi petŔni.
Al rit tal me vuli
il DiÓul peciad˛ur.

SunÓit, mes ciampanis,
parÓilu indav˛ur!
SunÓn, ma se i vuÓrditu
ciantÓnt tai to pras?"

I vuardi il soreli
di muartis estÓs,
i vuardi la ploja
li fuŔjs, i gris.

I vuardi il me cuÓrp
di quan'ch'i eri frut,
li tristis DomŔniis,
il vivi pierd˙t.

"Vuei ti vistÝssin
la seda e l'am˛ur,
vuei a Ŕ DomŔnia
domÓn a si m˛ur".

░░░

(Traduzione)

Oggi Ŕ Domenica,

domani si muore,
oggi mi vesto
di seta e d'amore.

Oggi Ŕ Domenica,
pei prati con freschi piedi
saltano i fanciulli
leggeri negli scarpetti.

Cantando al mio specchio,
cantando mi pettino.
Ride nel mio occhio
il Diavolo peccatore.

Suonate, mie campane,
cacciatelo indietro!
"Suoniamo, ma tu cosa guardi
cantando nei tuoi prati?"

Guardo il sole
di morte estati,
guardo la pioggia,
le foglie, i grilli.

Guardo il mio corpo
di quando ero fanciullo,
le tristi Domeniche,
il vivere perduto.

"Oggi ti vestono
la seta e l'amore,
oggi Ŕ Domenica,
domani si muore".




Tornant al paÝs

Fantassuta, se i fatu
sblanciada dongia il f˛uc,
coma una plantuta
svampida tal tram˛nt,
"Jo i impiji vecius stecs
e il fun al svuala scur
disÝnt che tal me mond
il vivi al Ŕ sig˙r".
Ma a chel f˛uc ch'al nulÝs
a mi mancia il rispÝr,
e i vorŔs essi il vint
ch'al m˛ur tal paÝs.

░░░

(Traduzione)

Tornando al paese

Giovinetta, cosa fai
sbiancata presso il fuoco,
come una pianticina
che sfuma nel tramonto?
"Io accendo vecchi sterpi,
e il fumo vola oscuro,
a dire che nel mio mondo
il vivere Ŕ sicuro".
Ma a quel fuoco che profuma
mi manca il respiro,
e vorrei essere il vento
che muore nel paese.




Ciant da li ciampanis

Co la sera a si piŔrt ta li fontanis
il me paÝs al Ŕ col˛ur smarÝt.

Jo i soi lontÓn, recuardi li so ranis,
la luna, il trist tintinulÓ dai gris.

A bat Rosari, pai pras al si scunÝs:
jo i soj muÓrt al ciant da li ciampanis.

ForŔst, al me dols svualÓ par il plan,
no ciapÓ p˛ura: jo i soj un spirt di am˛ur

che al so paÝs al torna di lontÓn.

░░░

(Traduzione)

Canto delle campane

Quando la sera si perde nelle fontane,
il mio paese Ŕ di colore smarrito.

Io sono lontano, ricordo le sue rane,
la luna, il triste tremolare dei grilli.

Suona Rosario, e si sfiata per i prati:
io sono morto al canto delle campane.

Straniero, al mio dolce volo per il piano,
non aver paura: io sono uno spirito d'amore,

che al suo paese torna di lontano.




Dansa di NarcÝs

Jo i soj na viola e un aunÓr,
il scur e il pÓlit ta la ciar.

I olmi cu'l me vuli legri
l'aunÓr dal me stomi amÓr
e dai me ris ch'a lusin pegris
in tal soreli dal seÓl.

Jo i soj na viola e un aunÓr,
il neri e il rosa ta la ciar.

E i vuardi la viola ch'a lus
greva e dolisiosa tal clar
da la me siera di vil˙t
sot da l'ombrena di un morÓr.

Jo i soj na viola e un aunÓr,
il sec e il m˛rbit ta la ciar

La viola a intorgolŔa il so lun
tÝnar tai flancs durs da l'aunÓr
e a si spiŔglin ta l'az˙r fun
da l'aga dal me c˛ur avÓr.

Jo i soj na viola e un aunÓr,
il frŔit e il clÝpit ta la ciar

░░░

(Traduzione)

Danza di Narciso

Io sono una viola e un ontano,
lo scuro e il pallido nella carne.

Spio col mio occhio allegro
l'ontano del mio petto amaro
e dei miei ricci che splendono pigri
nel sole della riva.

Io sono una viola e un ontano,
il nero e il rosa nella carne.

E guardo la viola che splende
greve e tenera nel chiaro
della mia cera di velluto
sotto l'ombra di un gelso.

Io sono una viola e un ontano,
il secco e il morbido nella carne.

La viola contorce il suo lume
sui fianchi duri dell'ontano,
e si specchiano nell'azzurro fumo
dell'acqua del mio cuore avaro.

Io sono una viola e un ontano,
il freddo e il tiepido nella carne.




Il dÝ da la me muÓrt

Ta na sitÓt, TriŔst o Udin,
ju par un viÓl di tŔjs,
di vierta, quan' ch'a m˙din
il col˛ur li fuŔjs,
i colarÓi muÓrt
sot il soreli ch'al art
biondu e alt
e i sierarÓi li sŔjs,
lassÓnlu lusi, il sŔil.

Sot di un tŔj clÝpid di vert
i colarÓi tal neri
da la me muÓrt ch'a dispiŔrt
i tŔjs e il soreli.
I biŔj zuvin˙s
a corarÓn ta chŔ lus
ch'i Ói pena pierd˙t,
svualÓnt f˛ur da li scuelis
cui ris tal sorneli.

Jo i sarÓi 'ciam˛ z˛vin
cu na blusa clara
e i dols ciaviŔj ch'a pl˛vin
tal p˛lvar amÓr.
SarÓi 'ciam˛ cialt
e un frut curÝnt pal sfalt
clÝpit dal viÓl
mi pojarÓ na man
tal grin di cristÓl.

░░░

(Traduzione)

Il giorno della mia morte

In una cittÓ, Trieste o Udine,
per un viale di tigli,
quando di primavera
le foglie mutano colore,
io cadr˛ morto
e chiuder˛ le ciglia
lasciando il cielo al suo splendore.

Sotto un tiglio tiepido di verde,
cadr˛ nel nero
della mia morte che disperde
i tigli e il sole.
I bei giovinetti
correranno in quella luce
che ho appena perduto,
volando fuori dalle scuole,
coi ricci sulla fronte.

Io sar˛ ancora giovane,
con una camicia chiara,
e coi dolci capelli che piovono
e un fanciullo correndo per l'asfalto
tiepido del viale,
mi poserÓ una mano
sul grembo di cristallo.










Data creazione : 27/11/2006 @ 00:55 AM
Ultima modifica : 02/05/2009 @ 11:13 PM
Categoria : Poeti e dialetti
Pagina letta 4179 volte


Anteprima di stampa Anteprima di stampa     Stampa pagina Stampa pagina

react.gifOpinioni su questo articolo


Opinione n░ 1 

da ELHANE il 22/02/2007 @ 10:14 PM

poeta e papa come sempre lo fu'...


Menu
+ Chi ├Ę Kril├╣?
+ Giardini letterari
+ Giochi e passatempi
+ I link
+ I miei banner
+ Leggende di fiori, piante e montagne
+ Piccole storie
+ Poeti
 -  Poeti e dialetti
+ Poeti e ...
+ Ravenna, la mia citt├á
+ Saggezza in pillole
La penna di Kril¨ ę
+ Giocando con le parole ┬ę
+ Gli articoli ę
+ I racconti ┬ę
+ Il libro ę
+ Le poesie ┬ę
+ Le poesie ę
+ Le poesie ┬ę
+ Le poesie in dialetto ┬ę
+ Le poesie in dialetto ę
+ Le poesie visive ┬ę
+ Lo scrigno dei ricordi ┬ę
+ Lo scrigno dei ricordi ┬ę
MultiClock

crea da Chris DUNN

Indovino

Io posso leggere nei vostri pensieri. Non ci credete ? Provate ! Vi ricrederete ...

^ Torna in alto ^

GuppY - http://www.freeguppy.org/
  Site powered by GuppY v4.5.19 ę 2004-2005 - CeCILL Free License